Federal Emergency Management Agency

NUOVE MISURE PER SRADICARE LA MUFFA NASCOSTA

Main Content
Release date: 
06/21/2013
Release Number: 
4086-173

 TRENTON, N.J.  -- Con l’estate in arrivo, i residenti del New Jersey avranno già cominciato le tipiche ricerche frenetiche tra cassetti, garage e ripostigli vari per ritrovare i tipici articoli di stagione che erano stati messi da parte ormai da settembre scorso.

Nella ricerca di tali articoli per l’estate, è auspicabile prestare attenzione a eventuali segni di muffa presente nei vari ambienti di casa o di altre proprietà che potrebbero aver subito le ripercussioni dell'uragano Sandy.

La muffa cresciuta può celarsi dietro soffitti, pareti, in attici, taverne, cantine. Bisognerà quindi ricercare i classici segni della muffa, tra cui macchie su pareti o soffitti, caratterizzate inoltre da un pungente odore di stantio.

La persistenza della muffa può essere l'effetto più duraturo di un uragano, implicando una serie di importanti rischi per la salute dell’uomo. L’esposizione ad essa può causare irritazione a gola e naso, tosse, raffreddore, irritazione agli occhi e, in taluni casi, irritazioni cutanee.

Per quanti siano stati interessati da riversamenti, allagamenti, perdite in ambienti domestici o al lavoro durante l’uragano Sandy, è importante eseguire un’ispezione approfondita per verificare che non sussistano ancora rischi di formazione di muffa.

La muffa può formarsi a seguito di perdite da tubi, tetti o finestre, a causa di umidità elevata, allagamenti o formazione di condensa all’interno delle pareti a causa dello scarso livello di isolamento.

L’elevata umidità è la condizione principale che favorisce la crescita di muffa.

Le muffe sono funghi che nascono in modo naturale in ambiente, potendo invece arrecare danno quando si formano in edifici e ambienti domestici.

Alcuni materiali edilizi, quali muri a secco, tegole, strutture in legno possono contenere la cellulosa, materiale tipico su cui le muffe possono crescere.

Trovando terreno fertile nella cellulosa, la muffa può indebolire montanti, travi e altre strutture, causando ingenti danni alle costruzioni.

Per ambienti inferiori a 3 metri quadri interessati dalla crescita della muffa, il proprietario o un responsabile della manutenzione dell’edificio potràrisolvere con facilità il problema. Laddove l’area interessata sia maggiore di 3 metri quadri, è raccomandabile rivolgersi a un’impresa specializzata nell’eliminazione delle muffe

Dove ricercare la muffa:

  • Qualsiasi area in cui è presente umidità o che sia stata soggetta ad allagamento
  • Taverne, cantine, attici

Cosa cercare:

  • Decolorazioni su pareti o soffitto che continuino a crescere o cambiare di colore
  • Un odore pungente di stantio

Eliminazione della muffa

  • Identificare e risolvere il problema in corrispondenza della fonte di umidità
  • Rimuovere e/o pulire i materiali contaminati da muffa
  • Verificare che l’area sia completamente asciutta prima di avviare lavori di ristrutturazione o opere edilizie
  • Indossare guanti, dispositivi di respirazione, occhiali e indumenti protettivi durante la rimozione della muffa

Il dipartimento della salute del New Jersey ha diffuso un depliant dal titolo Mold Guidelines for New Jersey Residents, nel quale vengono fornite indicazioni ai residenti sulla gestione dei problemi causati dalle muffe in ambiente domestico a seguito dell’uragano Sandy. Tale depliant espone una ampia gamma di argomenti, tra cui i problemi di salute prodotti dalla muffa, le modalità di ricerca della muffa, le tecniche e gli strumenti di pulizia.

I residenti in New Jersey potranno ottenere una copia del depliant visitando la pagina http://nj.gov/health/er/hurricane_recovery_resources.shtml oppure chiamando il (+1) 609-826-4950.

I residenti nel New Jersey possono inoltre chiamare il (+1) 609-826-4950 per rivolgere eventuali domande sulla rimozione della muffa al personale del programma di valutazione della salute ambientale e occupazionale del dipartimento.

La missione di FEMA è garantire il supporto ai cittadini e essere sempre disponibili per garantire che, in quanto vera nazione unita, si possa collaborare in modo fruttuoso per costruire, sostenere, migliorare la capacità di essere pronti, proteggerci, riprenderci, ridurre tutti i possibili pericoli.

Per seguireFEMA online, visitare le pagine www.fema.gov/blog, www.twitter.com/fema, www.facebook.com/fema, ewww.youtube.com/fema. Per conoscere le attività di Craig Fugate, amministratore di Fema, vistare la pagina www.twitter.com/craigatfema

I link ai social media sono a solo scopo di riferimento. FEMA non si fa promotrice di alcun sito web non governativo o di altre società o applicazioni.

Last Updated: 
06/24/2013 - 08:40
State/Tribal Government or Region: 
Related Disaster: 
Back to Top