Federal Emergency Management Agency

LA RIPRESA E LA RICOSTRUZIONE MESSE IN ATTO DAI SOPRAVVISSUTI RESIDENTI NEL NEW JERSEY DOPO 6 MESI

Main Content
Release date: 
05/03/2013
Release Number: 
4086-151

TRENTON, N.J. -- Nei sei mesi successivi al passaggio dell'uragano Sandy sulle coste del New Jersey, i sopravvissuti si sono impegnati nella ripresa delle loro comunità, per le quali sono stati stanziati più di 1,1 miliardi di dollari in fondi federali.

L'immagine è estremamente diversa da quella dei giorni immediatamente successivi al passaggio dell'uragano, avvenuto il 29 ottobre 2012. Molte abitazioni sono state ristrutturate o sono in fase di ricostruzione. Le imprese hanno riaperto e i lungomari già brulicano di turisti durante i fine settimana.

"Negli ultimi sei mesi, gli sforzi per la ripresa e la ricostruzione del New Jersey sono stati incrementati in maniera significativa, ma c'è ancora molto da fare", ha dichiarato Gracia Szczech, Funzionario per il coordinamento federale delle operazioni di risanamento per il New Jersey. "La costa del New Jersey è un luogo simbolico e la FEMA lavorerà con le autorità locali e statali nella misura necessaria a garantire la ripresa dello stato".

Quello che segue è il resoconto, aggiornato alla data del 23 aprile 2013, delle azioni intraprese per il risanamento del New Jersey a seguito del passaggio dell'uragano Sandy.

Assistenza per gli alloggi dei sopravvissuti

Nell'ambito degli sforzi per la ripresa, la Federal Emergency Management Agency ha concesso
388 milioni di dollari in sussidi di assistenza a più di 60.500 singoli individui e nuclei familiari colpiti da Sandy. Di questa somma totale, 334,5 milioni di dollari sono stati destinati alla riparazione delle abitazioni e all'assistenza temporanea per il pagamento dell'affitto, mentre 53,4 milioni di dollari sono stati elargiti per le esigenze di base non coperte dall'assicurazione.

La FEMA ha coordinato un piano per gli alloggi al quale hanno preso parte il Dipartimento per la casa e lo sviluppo urbano degli Stati Uniti, il New Jersey Department of Community Affairs e lo United States Army Corps of Engineers. Grazie a questo piano, è stato fornito alloggio temporaneo in 114 unità abitative ristrutturate presso Fort Monmouth e in altri prefabbricati collocati in quest'area. Inoltre, il Dipartimento per la casa e lo sviluppo urbano (HUD) ha stanziato 1.000 "concessioni speciali" nell'ambito del programma Housing Choice Voucher, gestito a livello statale e previsto dalla Section 8, per i nuclei familiari a basso reddito.

La FEMA e le autorità statali hanno inoltre coordinato il Programma di assistenza per l'alloggio temporaneo (Transitional Sheltering Assistance), grazie al quale più di 5.500 singoli individui e nuclei familiari hanno avuto la possibilità di alloggiare in 435 hotel e motel finché non fosse stato possibile trovare soluzioni abitative a lungo termine. Ai sopravvissuti sono stati pagati più di 253.425 pernottamenti per un costo totale di 34 milioni di dollari.

La Croce Rossa Americana, la Community Food Bank of New Jersey e il Church World Service sono solo tre delle 14 associazioni di volontariato attive in caso di calamità (VOAD) che lavorano a progetti di risanamento a lungo termine nel New Jersey.

Assistenza alla ricostruzione

Attraverso il programma di Assistenza pubblica, la FEMA ha concesso 262,9 milioni di dollari per la ristrutturazione delle infrastrutture pubbliche e la ripresa di alcune organizzazioni no profit. Finora, la FEMA ha fornito assistenza ai richiedenti per i progetti di rifacimento del lungomare e della spiaggia, come pure per le misure protettive di emergenza relative a porti turistici, paratie e dighe marittime. Questi progetti contribuiranno a sostenere l'economia dello stato, che, in quanto importante meta turistica, deve poter fare leva sulle proprie attrattive.

Gli stanziamenti per alcuni lavori di ricostruzione attualmente in corso, il cui completamento è previsto per il Memorial Day, comprendono: 19 milioni di dollari per il porto di Atlantic Highlands, 12 milioni di dollari per il lungomare di Belmar e 7,6 milioni di dollari per il lungomare di Seaside Heights.

A seguito del passaggio dell'uragano Sandy, la FEMA ha assegnato 435 incarichi specifici e stanziato 100 milioni di dollari in sussidi di assistenza federale diretta per una vasta gamma di interventi di soccorso e recupero. Nell'ambito del progetto di mitigazione dei rischi, 23.702 richiedenti hanno ottenuto consulenze sulle tecniche di ricostruzione da parte degli esperti di outreach della comunità. Questi ultimi hanno inoltre visitato i grandi superstore, presso i quali hanno fornito consulenze ad altri 38.226 sopravvissuti. Al fine di identificare le opportunità di mitigazione dei rischi, è stata fornita assistenza tecnica a 406 entità federali, statali e locali e sono state completate circa 1.300 visite presso le sedi.

La Small Business Administration ha concesso più di 734 milioni di dollari in prestiti per calamità a basso tasso di interesse a proprietari di casa, affittuari e imprese: della cifra totale, più di 607,6 milioni di dollari sono stati assegnati ai proprietari di casa e 138,8 milioni alle imprese. Questi prestiti hanno rappresentato un'importante fonte di capitali per le piccole imprese e hanno contribuito ad attenuare le perdite economiche.

Attività di outreach della FEMA

Le attività di outreach hanno avuto una grande importanza nell'ambito degli sforzi per il risanamento a seguito del passaggio dell'uragano Sandy nel New Jersey. I Disaster Recovery Center della FEMA hanno offerto assistenza individuale ai sopravvissuti all'uragano per la compilazione delle richieste di assistenza FEMA e delle domande di prestito per l'SBA. I 41 centri che hanno offerto assistenza ai residenti del New Jersey negli ultimi sei mesi sono stati già visitati più di 89.000 volte.

Immediatamente a seguito del passaggio dell'uragano, gli esperti di relazioni comunitarie della FEMA hanno iniziato a visitare i quartieri colpiti per offrire assistenza e materiali informativi tradotti in nove lingue. Nei cinque mesi successivi, gli esperti FEMA hanno contattato più di 100.000 singoli individui, 25.000 aziende e 10.000 organizzazioni confessionali e comunitarie.

I FEMA Corps, un'unità composta da giovani di età compresa tra i 18 e i 24 anni aderenti al programma National Civilian Community Corps di AmeriCorps, hanno inoltre offerto assistenza sul campo. Più di 220 membri hanno contattato sopravvissuti, imprese, rappresentanti di autorità locali e altri soggetti al fine di illustrare i programmi della FEMA.

L'imponente sforzo messo in atto da dipendenti locali, statali e federali è stato supportato da almeno 480 gruppi di volontari, che hanno contribuito offrendo 766.000 ore del loro tempo. Insieme, hanno coordinato i lavori di risanamento, che comprendevano la rimozione delle macerie in vista delle operazioni di ricostruzione delle abitazioni in 21 contee del New Jersey.

La FEMA continua a offrire il proprio supporto

Al fine di sostenere il processo di risanamento a lungo termine, il gruppo che si occupa del Coordinamento federale dell'assistenza per lo stato di calamità ha ricevuto il compito di stabilire una strategia completa per il supporto alla ripresa destinata alle comunità colpite dall'uragano. Insieme ai funzionari statali e locali e ai soggetti interessati, gli esperti della ripresa forniranno ai residenti l'assistenza relativa alla pianificazione e alle problematiche tecniche, illustrando il loro piano di recupero per la comunità. L'FDRC ha stabilito che la comunità di Union Beach sarà la prima del New Jersey a ricevere l'assistenza federale per la pianificazione della ripresa.

Il supporto per la ripresa a seguito dell'uragano Sandy è continuativo. La FEMA proseguirà a collaborare con le autorità statali e locali per fornire assistenza ai sopravvissuti a Sandy.

La missione di FEMA è quella di fornire supporto ai nostri cittadini e agli operatori di primo soccorso al fine di garantire che, in quanto nazione, siamo in grado di collaborare per forgiare, sostenere e migliorare la nostra capacità di prepararci e di rispondere ai rischi, di proteggerci e di risollevarci da essi, come pure quello di mitigarli.

È possibile seguire FEMA online agli indirizzi www.fema.gov/blog, www.twitter.com/fema, www.facebook.com/fema e www.youtube.com/fema. Si possono inoltre osservare le attività dell'amministratore Craig Fugate all'indirizzo www.twitter.com/craigatfema.

I link ai social media forniti vengono offerti esclusivamente come riferimento. FEMA non sostiene società, applicazioni o siti Web non governativi.

Last Updated: 
05/03/2013 - 12:06
State/Tribal Government or Region: 
Related Disaster: