Federal Emergency Management Agency

La FEMA concede 695.000 dollari all'Episcopal Health Services

Main Content
Release date: 
01/05/2013
Release Number: 
NR-126

L'attivazione dell'Emergency Operations Plan (Piano per le operazioni di emergenza) ha permesso agli ospedali e alle case di riposo di rimanere aperti e di curare i pazienti durante il passaggio dell'uragano Sandy

New York – La Federal Emergency Management Agency ha annunciato la concessione di un sussidio di 695.000 dollari all'Episcopal Health Services che servirà a rimborsare parte dei costi sostenuti prima, nel corso e a seguito del passaggio dell'uragano Sandy. Il 27 ottobre 2012, in previsione dell'abbattersi dell'uragano, l'Episcopal Health Services aveva attivato il proprio Emergency Operations Plan. I preparativi comprendevano l'evacuazione dei pazienti, la sistemazione di generatori che permettessero di disporre di energia elettrica ausiliaria e la creazione di una struttura medica provvisoria in grado di offrire assistenza ai sopravvissuti all'uragano Sandy.

Nonostante l'interruzione della fornitura di energia elettrica dovuta all'uragano, le strutture dell'Episcopal Health Services non hanno soltanto continuato a operare, ma hanno anche accettato altri pazienti nel corso e al termine del passaggio dell'uragano. Il St. John’s Episcopal Hospital ha sostenuto un aumento pari a circa il 40 percento di pazienti in cerca di cure.

"L'Episcopal Health Services possedeva un piano di emergenza già prima del passaggio dell'uragano", ha spiegato Michael F. Byrne, funzionario per il coordinamento federale della FEMA.  "Grazie all'implementazione di quel piano e alla dedizione dei medici, degli infermieri e di tutto quanto il personale, l'Episcopal Health Services ha potuto salvare delle vite e offrire un riparo ai residenti delle comunità di Rockaways, Long Beach, Atlantic Beach e Five Town".

"Questo denaro contribuirà enormemente ad aiutare l'organizzazione chiave che si è fatta avanti quando la comunità medica e i quartieri della zona avevano maggiormente bisogno", ha dichiarato Jerome M. Hauer, Commissario della divisione dell'Homeland Security and Emergency Services (dipartimento per la sicurezza interna e i servizi di emergenza) dello stato di New York. "La preparazione messa in atto dal St. John’s Episcopal Hospital e il numero di pazienti accolti durante l'uragano dimostrano il livello dell'impegno di questa regione e il modo in cui siamo in grado di rispondere alle calamità naturali".

L'Episcopal Health Services è un'importantissima organizzazione sanitaria privata no profit che comprende tre entità principali: St. John’s Episcopal Hospital, Bishop MacLean Episcopal Nursing Home e Bishop Hucles Episcopal Nursing Home. Pur avendo subito il 29 ottobre 2012 l'interruzione della fornitura di energia elettrica, le strutture hanno continuato a offrire assistenza medica ai pazienti utilizzando i generatori fino al ripristino del servizio di fornitura, ottenuto il 9 novembre 2012.

Le agenzie no profit private che forniscono alla comunità quelli che vengono definiti come servizi critici possono presentare una Request for Public Assistance (Domanda di assistenza pubblica) alla FEMA per richiedere il rimborso dei costi sostenuti per i lavori di emergenza eseguiti a causa dell'uragano Sandy.

I servizi che vengono considerati come critici comprendono:

  • ospedali e altre strutture che forniscono trattamenti medici;
  • vigili del fuoco, polizia e altri servizi di emergenza;
  • servizi di pubblica utilità, come energia elettrica, impianti idrici e fognari; e
  • istituti educativi.

Le organizzazioni no profit private che forniscono alla comunità quelli che vengono definiti come servizi essenziali possono inoltre risultare idonee a ricevere i sussidi pubblici per la riparazione dei danni provocati dall'uragano Sandy. Tuttavia, queste agenzie no profit private devono prima richiedere un prestito a basso tasso di interesse alla Small Business Administration degli Stati Uniti.

I servizi che vengono considerati come essenziali comprendono:

  • librerie, musei e zoo;
  • centri sociali;
  • fornitori di servizi e di assistenza legale per i disabili;
  • strutture di accoglienza per i senzatetto e centri di riabilitazione; e
  • centri per gli anziani e asili.

La FEMA rimborsa non meno del 75 percento dei costi ammissibili correlati alle misure di protezione per le emergenze e dei costi per le ristrutturazioni permanenti, comprendenti la rimozione delle macerie e la riparazione o la sostituzione delle infrastrutture.

Le scadenze per presentare le domande di assistenza pubblica sono:

  • 17 gennaio 2013 per la contea di Greene;
  • 28 gennaio 2013 per le contee di Bronx, Kings, Nassau, New York, Richmond, Suffolk e Queens;
  • 1 febbraio 2013 per le contee di Rockland e Westchester; e
  • 11 febbraio 2013 per le contee di Orange, Putnam, Sullivan e Ulster.

Per maggiori informazioni sulla risposta dello Stato di New York all'uragano Sandy, è possibile visitare la pagina Web www.fema.gov/sandy-italiano

Last Updated: 
01/07/2013 - 10:07
State/Tribal Government or Region: